Call us
E-Mail us

Informazioni riguardo alla Famiglia Schmalzl - Storia di famiglia

La Famiglia Schmalzl possiede profonde radici artistiche - Il bis-bisnonno di Gunnar fu il famoso artista Josef Moroder Lusenberg di Ortisei Val Gardena


Casa Lusenberg (Jumbierch) con giardino, sullo sfondo Bulla e Bullacia, 1918. Olio su tela.

Josef Moroder Lusenberg (* 1846 a Ortisei Val Gardena; † 1939)
Josef Moroder Lusenberg di Ortisei è considerato il più importante pittore della Val Gardena di notorietà internazionale. I dipinti, provenienti da  musei e collezioni private di varie nazioni, furono esposte  in una mostra tenuta nel 1973 a Innsbruck (A), il successo fu così grande che ancora oggi è ricordata dagli esperti per la  rilevanza delle opere esposte. Una mostra di soli acquarelli si svolse nel 1985 a Bolzano (I). Di tutta la produzione del Lusenberg gli acquarelli sono considerati opere minori, tuttavia negli acquarelli il Moroder mostra chiaramente le sue caratteristiche e l’insolita abilità pittorica.

Josef era il quarto di otto figli. Rimase orfano del padre a otto anni. A trent’anni  si trasferì a Monaco di Baviera. A quel tempo era sposato in seconde nozze con Felizita Unterplatzer e dalla quale ebbe undici figli. La sua prima moglie, Anna Maria Sanoner, morì dopo la nascita del quarto figlio.

All’accademia di Monaco di Baviera Knabl, Loeffz e Dietz erano i suoi insegnanti (1876-1880) Dal 1880-1884 era allievo di Franz di Defreggers. A Isarstadt venne a contatto con l’arte corrente, e tramite Franz  anche con il noto William Leibl (due anni piu’vecchio di lui) pregiato dal idealismo e realismo molto presenti a quell’epoca. Insieme all'amico Defregger, Josef Moroder viaggiò nel Trentino con l’ordine di copiare le sue immagini.Così è venuto a possedere creazioni di indipendenza notevole da quel suo maestro tanto ammirato. 

La buona osservazione della natura la acquistò nell'ambiente rurale del lavoro nei campi e della foresta e del maso di nascita di Scurcià, che si trova nella parte più soleggiata di Ortisei. Nei suoi tanti abbozzi e disegni il Lusenberg ha tenuto vivo il ricordo dei relativi bambini e nipoti. Nella sua complicata tecnologia di acquarelli fece ritratti di persone che lo colpivano, persone dalle notevoli caratteristiche. Le scene tratte dalla vita quotidiana dei contadini, delle loro abitazioni, dei fienili con il paesaggio nelle diverse stagioni  e le raffigurazioni di ambienti rurali sono finemente armonizzate e cromaticamente ricche di sfumature.


Photo by Prodigit

Carolina Kostner

Nella famiglia Schmalzl, oltre all’ artista abbiamo anche una famosissima ragazza di cui siamo molto fieri. Si tratta della cugina di Gunnar.
Carolina Kostner nata a Bolzano il 08 febbraio 1987 è una pattinatrice italiana ed attuale campionessa del mondo.
Inizia a pattinare sul ghiaccio fin da bambina, spinta sia dal padre Erwin, ex-giocatore di hockey ed allenatore di hockey, che dalla madre Patrizia anche lei pattinatrice.

Agli Europei del 2003 presenta un programma lungo di grande prestigio che la porta al 4° posto. Carolina è una delle poche a livello femminile che è riuscita ad eseguire due combinazioni triplo-triplo in un programma. Il 19 marzo 2005 ha vinto a Mosca la medaglia di bronzo ai Campionati mondiali di pattinaggio di figura ed il 27 gennaio 2007 a Varsavia si aggiudicò la medaglia d’oro ai Campionati europei di specialità. Anche nel 2008 a Zagreb raggiunse lo stesso titolo. Ai campionati del mondo 2008 a Goteborg dopo il programma corto è in testa. Durante il Free commette alcuni errori ma riesce comunque a guadagnare la sua prima medaglia d'argento. A gennaio 2009 a Helsinki durante i Campionati europei vince la medaglia d’argento.

Nella cerimonia d’apertura delle Olimpiadi Invernali a Torino nel 2006 fu portabandiera dell’Italia, dove raggiunse il nono posto, complice fu sicuramente la tensione e la pressione mediatica.

Nella stagione 2011-2012 Carolina partecipa a tre tappe del Grand Prix of Figure Skating: partecipa infatti a Skate America, dove conquista il secondo posto dietro all'americana Alissa Czisny; poi gareggia alla Cup of China, che vince con il punteggio totale di 182,14; infine partecipa al Trophéè Eric Bompard, dove vince un'altra medaglia d'argento dietro alla russa Elizaveta Tuktamisheva. Si qualifica così per la ISU Grand Prix Final, che vince per la prima volta nella sua carriera, stabilendo il suo record personale per il punteggio totale (187,48). Lei è la prima italiana a vincere la ISU Grand Prix Final nella specialità individuale, e la seconda in totale dopo Barbara Fusar-Poli e Maurizio Margaglio, che vinsero la finale nel 2000 nelle coppie di danza. A gennaio 2012 vince il titolo europeo per la quarta volta con il punteggio totale di 183.55. La Kostner vince anche la Challenge Cup 2012 realizzando un nuovo record personale sia nel libero che nel totale: libero di 132.84 e totale di 197.73. Il 31 marzo del 2012 vince la medaglia d'oro ai campionati mondiali di Nizza presso il Palais des Expositions Acropolis. E' la prima volta che l'Italia vince un titolo mondiale in questa specialità.

Stagione 2012-2013/ Dopo uno splendido programma lungo e un buon programma corto, Carolina ha vinto il suo quinto titolo europeo il 26 gennaio a Zagabria!
Carolina era seconda dopo il programma corto ("A Transylvanian Lullaby & The Devil's Trill") con 64.19 punti. Carolina ha atterrato un fantastico 3 loop ma é caduta sul secondo salto della sua combinazione 3-3. Nel suo programma lungo, sulle muscihe del "Bolero", ha pattinato molto bene e ha ottenuto un punteggio di 130. 52 (60.24 TES & 70.28 PCS), migliorando il suo record personale.

Questo é il 5° titolo Europeo di Carolina dopo il 2007, 2008, 2010 & 2012 e l´8° podio consecutivo ai Campionati Europei. Congratulazioni a Carolina per questo fantastico risultato!

Splendida conclusione per questo finale di stagione: Carolina ha vinto l'argento ai Campionati Mondiali 2013 a London (Canada)!
Ha dovuto combattere con un problema di sanguinamento al naso ma ha comunque completato 5 perfetti salti tripli nel suo programma, incluso un bellissimo 3Lutz e la combinazione 3Flip+3Toeloop. A parte due errori sul Loop e sul Salchow finale, ha ricevuto alti livelli per tutti gli altri elementi e ha meritato alti punteggi di componenti del programma. Ha ottenuto un nuovo miglior punteggio personale di 131.03 (61.34 + 70.69) e ha aggiunto un altro argento alle sue medaglie mondiali! Questo è il 20esimo podio consecutivo per lei e la sua quinta medaglia mondiale.

Stagione 2014: La Kostner per la stagione 2013-2014 è stata invitata a partecipare a due eventi del Grand Prix e cioè in particolare alla Cup of Russia 2013 ed alla Cup of China 2013.[107]

A Pechino, prima tappa dell'ISU Grand Prix a cui è stata assegnata nella stagione 2013 - 2014, nonostante alcuni errori sugli elementi di salto è riuscita a piazzarsi al secondo posto in entrambe le parti di gara grazie a ottimi punteggi nei program components score: il totale di 173.40 le è valso la medaglia di bronzo. Carolina prende parte anche alla Rostelecom Cup di Mosca nella quale arriva in seconda posizione, vincendo l'argento con un punteggio totale di 190.12 dietro a Julia Lipnitskaia (190.80) e davanti a Mirai Nagasu (175.73), non riuscendo tuttavia ad ottenere la qualificazione per la finale di Grand Prix.

Nei giorni successivi Carolina dichiara di non partecipare alle universiadi, in quanto le date dell'evento non si sarebbero inserite in modo opportuno nella preparazione già stabilita verso gli eventi più importanti della stagione e di non prendere parte ai Campionati nazionali italiani a causa del riacutizzarsi di un problema fisico.[106]

Ai campionati europei di Budapest ottiene una medaglia di bronzo, la nona consecutiva alla rassegna continentale. Ha eseguito un buon programma libero comprendente di un triplo Lutz, un doppio Axel, un triplo Flip in combinazione con un doppio Toe-Loop e due tripli Salchow (il secondo con un doppio Toe-Loop al termine). Purtroppo cade sul triplo Toe-Loop, che doveva essere la combinazione, e trasforma il triplo Loop in doppio. Questo programma le vale 122.42 punti che uniti ai 68.97 punti del programma corto, riescono a farla salire sul terzo gradino del podio.

Alle olimpiadi invernali di Sochi 2014 partecipa inizialmente al "Team Event" (la cosiddetta gara a squadre, dove gareggiano le prime 10 nazioni al mondo), riuscendo a far qualificare l'Italia per la finale e realizzando il suo nuovo primato personale nel programma corto (70.84) a soli 2.06 punti dalla prima in classifica, la quindicenne Julia Lipntskaia. Carolina decide però di non pattinare il programma libero e di ritornare ad Oberstdorf per prepararsi al meglio per la gara individuale. Il 19 febbraio inizia la gara individuale: Carolina ottiene un punteggio di 74.12 nel programma corto, il suo record personale, che la porta alla terza posizione provvisoria, a 80 centesimi dalla prima, la coreana Kim Yuna. Il programma libero si tiene il giorno seguente: Carolina ottiene il suo record personale nel libero, 142.61, per un punteggio totale di 216.73 (record personale nel punteggio totale), che le permette di vincere la medaglia di bronzo, preceduta dalla russa Adelina Sotnikova e dalla coreana Kim Yuna. Carolina è dunque divenuta la prima pattinatrice italiana nella storia a vincere una medaglia olimpica nella specialità del pattinaggio di figura singolo e la seconda italiana in assoluto, dopo Barbara Fusar-Poli e Maurizio Margaglio, che hanno vinto la medaglia di bronzo alle olimpiadi del 2002 nella specialità della danza su ghiaccio.

Successivamente partecipa ai campionati mondiali di Saitama. Il 27 marzo comincia la gara individuale femminile:Carolina ottiene 77.24 e si porta al secondo posto dietro Mao Asada e davanti Julija Lipnickaja. Nel lungo paga una caduta su una combinazione inserita all'ultimo e chiude il programma con 126.59. Il punteggio totale di 203.83 le permette di vincere la medaglia di bronzo e salire sul podio per la ventiseiesima volta consecutiva .



Photo by Prodigit
Richiesta
Arrivo:
Partenza: